Gogol Bordello

Gogol Bordello spettacolo liberamente tratto da L'Ispettore Generale di Nikolaj Gogol.

Gogol Bordello LocandinaAdattamento e regia Felice Panico

Scene e costumi Rita Monterosso

Assistente alla regia Simone Borrelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 note di regia

Ma siamo noi che torniamo a Gogol o è Gogol che ritorna da noi? Rileggendo L'Ispettore Generale, commedia datata 1835, propendiamo per la seconda ipotesi. Sembra scritta l'altro ieri. Il villaggio della provincia russa di inizio '800 lo possiamo riconoscere in una qualsiasi delle nostre cittadine di oggi, assieme alle sue piccole meschinità, alle ataviche inefficienze delle amministrazioni locali,  all'ingenua e un po' pecoreccia piccola corruzione, ai bassi pettegolezzi da paese. Tutto troppo misero per assurgere alle vette del dramma. Tutto Gogol Bordello Manifestodeliziosamente cialtrone per trasformarsi in una commedia vorticosa - un Gogol Bordello, appunto - dai meccanismi oliatissimi dove trovare una galleria di personaggi tutti ugualmente scoppiettanti e riconoscibilissimi, talmente surreali e iperbolici da diventare cartoni animati: come nella Springfield dei “Simpson” o nella Quohag dei “Griffin”.

E allora viene spontaneo chiedersi se siamo di fronte ad un drammaturgo profeta, oppure la storia è sempre la stessa?  Davanti  a questo interrogativo potremmo abbandonarci al più snervante pessimismo, ma per fortuna  la commedia ci viene in soccorso. E in fondo il teatro non è la vita.

Lasciamo all'informazione il compito di analizzare, denunciare ed, eventualmente, giudicare. Ai cittadini il compito di indignarsi. Agli attori quello di farci - e farvi - ridere.     

Felice Panico

 

teatro pubblico campano, laboratorio teatrale


© 2018 Felice Panico. All rights reserved.
Testi, locandine, materiale fotografico e video sono coperti da copyright. Tutti i diritti riservati.
Privacy policy