Scene Di Corte

Scene Di Corte, di Karst Woudstra

Scene Di Corte locandinaRegia di Felice Panico

Scene e costumi Ilaria Auriemma

Elaborazioni musicali e componimenti Pasquale Toscano

 

 

 

 

 

 

 

 

note di regia

Siamo nella Spagna del XVI secolo. Carlo V d'Asburgo ha lasciato nelle mani di suo figlio Filippo un impero intercontinentale, quell'impero su cui non tramonta mai il Sole e che comprende, oltre alla Penisola iberica, i Paesi Bassi e i domini del Sud America. Filippo non ha carisma nè le capacità strategiche di suo padre. Vive nella continua incertezza. Sa di essere un re di transizione, un bravo amministratore e nulla più. Ed ha un problema enorme: suo figlio Carlos. E' l'erede al trono designato, ma è sopratutto un ragazzo che non accetta limitazioni alla sua libertà. La libertà di vivere la vita a modo suo, di compiere le proprie scelte fino alle estreme conseguenze, di amare fisicamente le donne: ed anche gli uomini.

Scene Corte foto di scenaCarlos non ha alcuna vergogna di dare scandalo, poichè sa benissimo che lo scandalo è l'unica arma di difesa, e forse di redenzione, per la corte di Madrid, altrettanto corrotta ma ben trincerata dietro l'etichetta ed il moralismo ipocrita della Controriforma. Per questo Carlos deve morire. 

 

Karst Woudstra, l'autore olandese di Scene Di Corte affonda la penna in un passato lontano portando alla luce tematiche straordinariamente contemporanee come il rifiuto e la persecuzione delle diversità, la corruzione del potere politico, la crisi della società europea. Al termine, per quell'impero su cui non tramonta mai il Sole, sarà eclissi totale.

Felice Panico

teatro pubblico campano, labortorio teatrale


© 2018 Felice Panico. All rights reserved.
Testi, locandine, materiale fotografico e video sono coperti da copyright. Tutti i diritti riservati.
Privacy policy